Edizioni passate

Seminari

(settembre-novembre 2018)

Come nasce un romanzo di Sara Rattaro

22 settembre, dalle 10 alle 13 - brunch con l'autrice

Come nasce un romanzo? Raccontare una storia per scrivere le tante trame che contiene.

Una colazione letteraria sarà l’occasione per offrire ai partecipanti una vera e propria lezione frontale sui ragionamenti e le azioni che anticipano la stesura di un romanzo. L’incontro è dedicato soprattutto agli appassionati di lettura, ma è aperto a tutti coloro che sono incuriositi da questo mestiere meraviglioso.

Nel corso della mattinata Sara Rattaro racconterà la sua esperienza di autrice, spiegando come capisce che l’idea che ha in testa funzionerà anche sulla carta e come riesce a darle vita e respiro. 

Il cuore e il mestiere: immaginazione e razionalità di Erica Arosio

13 e 14 ottobre, dalle 9.30 alle 18.30

Ci sono questioni che ogni scrittore è costretto ad affrontare durante la stesura del proprio testo. L’obiettivo del seminario di Erica Arosio è quello di analizzarle, per dare consigli e suggerire possibili vie di fuga da situazioni problematiche. In particolare le tematiche considerate saranno:

  1. l’impatto con la pagina bianca e la fenomenologia dell’incipit;

  2. le fonti della scrittura: la memoria, la descrizione, l’immaginazione e l’evocazione;

  3. il punto di vista: la prima e la terza persona, il narratore, il flusso di coscienza e i dialoghi;

  4. la costruzione dei personaggi, l’ambientazione e l’uso dei tempi verbali;

  5. la struttura: come far affiorare i cinque sensi nelle proprie parole. Scrivere per se stessi o per gli altri? Il mestiere e i trucchi del “turn page”.

Inoltre, alla fine di ogni lezione, gli iscritti saranno chiamati a cimentarsi in esercizi di scrittura, che verranno analizzati collettivamente.

Workshop di Sara Rattaro

20 ottobre, dalle 10.30 alle 17.30

Saper raccontare è il modo più semplice per avvicinarsi agli altri. Il workshop ideato da Sara Rattaro vuole quindi introdurre i partecipanti al mondo della scrittura creativa quale strumento di comunicazione e intrattenimento.

L’obiettivo di queste sei ore è discutere le regole base della stesura del racconto, partendo da quattro questioni fondamentali:

  1. come costruire una trama;

  2. il personaggio complesso;

  3. il dialogo perfetto;

  4. l’importanza delle parole giuste e dei dettagli.

Il corso è indicato sia per appassionati lettori, che troveranno uno stimolo in più nel farsi coinvolgere nelle storie che sceglieranno di leggere, sia per aspiranti scrittori, che potranno così misurare la loro cifra stilistica per decidere se intraprendere questo meraviglioso percorso. I partecipanti avranno poi modo di mettere in pratica quanto appreso attraverso degli esercizi in aula

Le figure della poesia di Elena Mearini

27 ottobre, dalle 10.30 alle 17.00 

Fare poesia partendo da noi, ovvero raccogliendo le esperienze che viviamo, le cose che osserviamo, i volti che incrociamo. Tutto, infatti, si deposita in noi e genera, attraverso suggestioni, ricordi e associazioni mentali, forme e immagini che, nel tempo, popolano il nostro mondo interiore.

Questo laboratorio si propone di mostrare ai partecipanti come rintracciare le figure celate in ciascuno di noi, andando alla ricerca del “tesoro emotivo” che tutti nascondono. Nel corso delle cinque ore del seminario, l’intento è fare in modo che i presenti imparino a stupirsi di fronte alla complessità e alla bellezza dei propri sentimenti e che, sondando la propria emotività e provando a trasporla su carta, ognuno possa arrivare a stendere la sua piccola grande poesia.

 

"I falsi amici" di Giorgio Maimone

10 e 11 novembre, dalle 14 alle 18

Il seminario si propone di individuare una serie di poche, ma precise regole, per smascherare i “falsi amici”, ovvero le trappole che si annidano nella lingua italiana e rischiano di trarre in inganno ogni scrittore. Giorgio Maimone, in particolare, ne individua sei, che soprannomina con il titolo di un film.

  1. “Quella sporca dozzina”: i dodici aggettivi da evitare sempre e comunque.

  2. “Arancia meccanica”: cosa c’è di più naturale di un’arancia? E come può essere meccanica? Senza trama non si va lontani e la trama deve funzionare come un organismo bene oliato.

  3. “Il mio amico, il diavolo”: l’importanza dell’antagonista.

  4.  “L’attimo fuggente”: l’ispirazione e la poesia. Ci sono, ma sono fugaci.

  5. “Conoscenza carnale”: il romanzo è la traduzione su carta di carne, sudore e lacrime. Non può esaurirsi sulla carta.

  6. “I magnifici sette”. Non si può pensare di scrivere senza avere letto. Avere dei maestri è utile.

Il taccuino dello scrittore: corso base di scrittura noir di Paolo Roversi

24 novembre, dalle 10.30 alle 17.30 (minimo 8 partecipanti)

Scrivere un romanzo ben articolato non è compito facile, soprattutto se si vuole approcciare il genere noir. Per costruire una storia che si sviluppi in modo razionale, coerente e, soprattutto, non banale, è necessario trovare non solo una trama appropriata, ma anche una tecnica narrativa adatta al suo svolgimento. Questo workshop si propone proprio di svelare ai partecipanti le regole principali del genere, le basi per la stesura di un racconto. Il percorso pensato da Roversi, nello specifico, è diviso in sette parti e tratta:

  1. Il taccuino dello scrittore;

  2. la costruzione del personaggio;

  3. le tecniche di narrazione;

  4. l'ambientazione;

  5. la scelta del punto di vista;

  6. il tempo e i tempi della storia;

  7. la scrittura gialla e noir.

Prima edizione

(febbraio-maggio 2018)

La prima edizione del corso di scrittura La fabbrica delle storie, condotto dall'autrice Sara Rattaro (vincitrice del Premio Bancarella 2015), ha avuto come obiettivo quello di fornire agli allievi gli strumenti fondamentali per la strutturazione di un racconto.

Durante gli incontri a cadenza mensile sono stati analizzati i vari elementi che compongono una narrazione efficace così da condurre gli aspiranti scrittori ad acquisire maggiore consapevolezza del proprio stile e dell’empatia utile a coinvolgere il lettore.​

Al termine del corso ogni partecipante ha avuto l'opportunità di scrivere un racconto inedito, con il tutoring personale della scrittrice e del team di Morellini Editore. Tutti i racconti sono stati pubblicati a ottobre 2018 da Morellini Editore in un’antologia dal titolo La vita vista da qui. 10 storie di resistenza e sopravvivenza, assieme a un racconto della stessa Sara Rattaro.

Per maggiori informazioni sulle specifiche di questa prima edizione è possibile scaricare la versione completa del programma qui.

Morellini Editore by Enzimi srls

Via Farini 70 - 20159 Milano

+39 02 87383764 - info@morellinieditore.it

www.morellinieditore.it

PRIVACY

  • Facebook
  • Instagram